• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Marzo: stagione Legalità

A partire da Venerdì 13 Marzo 2015
ore 11:00 Salva sul calendario

Auditorium San Barnaba, Brescia Corso Magenta 44 /A 25121 Brescia

 

VENERDÌ 13 MARZO, ORE 11.00

"VALEVA LA PENA? DIALOGO POSSIBILE TRA GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO"

DURATA: 50 minuti

UTENTI: scuole medie inferiori e superiori

ARTISTI: Luciano Bertoli, attore

PRINCIPALI TEMI AFFRONTATI: Le stragi di mafia del 1992 I riferimenti saranno riassunti nella breve presentazione che sarà proposta prima dell’inizio dello spettacolo da un esperto dell’associazione.

Dialogo “possibile” tra Falcone e Borsellino scritto e interpretato da Luciano Bertoli. I due magistrati che hanno trovato la morte nel 1992 in due attentati distinti, a Capaci e in Via D’Amelio, sono ricordati attraverso un dialogo serrato su come occorra opporsi ad ogni prevaricazione per riaccendere la speranza.

 

GIOVEDÌ 19 MARZO, ORE 11.00

"RADIO DRAMMA. RACCONTO PER DUE VOCI, PIANOFORTI E TAMBURO IN MEMORIA DI PEPPINO IMPASTATO"

DURATA: 50 minuti

UTENTI: scuole medie inferiori e superiori

ARTISTI: Paola Cannizzaro, Filippo Garlanda e Michele Beltrami

PRINCIPALI TEMI AFFRONTATI: Peppino Impastato e la lotta alla mafia I riferimenti saranno riassunti nella breve presentazione che sarà proposta prima dell’inizio dello spettacolo da un esperto dell’associazione.

Ci sono alcune storie che è importante ricordare, perché contengono una possibilità. Ci regalano un'alternativa, uno spazio vitale inaspettato. Vogliamo condividere con voi la storia di Giuseppe Impastato detto Peppino, assassinato dalla mafia il 9 maggio 1978 a trent'anni, perché era uno che parlava chiaro. Era uno che raccontava. Peppino era la voce che gridava nella piazza. Gridava mentre altri stavano zitti perché avevano paura, e dava voce anche a loro. Peppino gridava perché non sopportava le ingiustizie. Peppino usava le parole per combattere gente che invece usa le pistole e il tritolo. Raccontiamo attraverso gli occhi di Peppino e di chi ha vissuto questa storia insieme a lui: in scena le parole corrono in bocca ad un narratore, vivono sulle labbra di una donna, i suoni del pianoforte prendono per mano le parole e si canta. Ad alta voce, perché sentano tutti.


Tasso:
 
 
2015-03-13 11:00:00
2015-03-19 12:19:00