• 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6

Filippo Garlanda

filippo garlanda

 

Laureato in Ingegneria Ambientale presso l'Università degli Studi di Brescia, Dottore di ricerca in Luoghi e tempi della città e del territorio. Accanto agli studi scientifici porta avanti quelli musicali sotto la guida del M.° Alberto Bugatti e presso il Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia. Si forma e approfondisce i propri percorsi teatrali, fra parola e movimento, con Franco Bertàn, Daniel Meininghaus, Mina Mezzadri, Roberto Castello, César Brie, Eugenio Allegri, Alessandro Mor e Alessandro Quattro, Maurizio Nichetti, Elena Bucci e Marco Sgrosso, Antonella Bertoni. In qualità di attore, regista e musicista, ha lavorato con diverse realtà teatrali tra le quali il Teatro Stabile di Brescia, il Teatro Grande di Brescia, il Teatro Franco Parenti di Milano, il Teatro Stabile d'Innovazione di Verona, la Piccola Compagnia Stabile di Brescia, l'Associazione Cieli Vibranti e ForArt, il Teatro Belcan, l'Associazione Soldano, il Teatro delle Ali. Collabora abitualmente con musicisti, gruppi corali, formazioni bandistiche e si occupa da anni anche di laboratori espressivi per bambini, adolescenti e adulti, integrando percorsi musicali e teatrali. Nel 2013 partecipa, come formatore dei bambini attori e cantanti, all'opera lirica Brimborium! di Mauro Montalbetti, che vince il Premio Abbiati “per la Scuola” XI edizione 2012/13. Nello stesso anno debutta con il monologo 8tto: racconto per omino, basso tuba e clarinetto e crea il progetto zerO, per un teatro sostenibile che può esistere senza il superfluo. Nel 2015 interpreta per la prima volta nella Sinagoga di Cracovia lo spettacolo Nei campi. Parole, alberi e canti a curare la guerra. Nell’ambito del Mese della Cultura Italiana in Bosnia Herzegovina nel 2016 debutta a Sarajevo, insieme al musicista Alessandro Adami, con lo spettacolo Il silenzio del mare. Assedio per voce e fisarmonica, in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Sarajevo. Attualmente prosegue un percorso di ricerca artistica nel quale esplora la relazione tra musica, movimento e parola insieme al pianista e compositore Pierangelo Taboni, con il quale ha realizzato Guerra, Angelo. Racconto per voce, pianoforte e altre cose che suonano.

Iscrizione Newsletter